RIGUARDO L’EMERGENZA COVID-19

Il laboratorio ha tempestivamente attuato tutta una serie di procedure specifiche, linee guida, check-list ed istruzioni operative che consentono in modo concreto un enorme abbattimento dei rischi di contagio da COVID-19 garantendo la fruibilità della struttura ai pazienti in totale sicurezza. A tale scopo infatti è stata allestita un’area Pre-Triage esterna al fine di consentire alcune procedure preventive, come per esempio la misurazione della temperatura, atte a valutare l’idoneità del paziente all’accesso in struttura in modalità sicura evitando così di sottoporre ad inutili rischi sia il personale preposto che tutti i pazienti, così come previsto da tutte le disposizioni cogenti nazionali e regionali.
L’accesso alla struttura avviene sempre in modo controllato, garantendo sempre un minimo di 10mq per ciascun paziente. I percorsi di entrata e di uscita dalla struttura sono stati differenziati onde evitare gli incroci tra le persone in entrata ed in uscita.
Durante tutta l’attività è costantemente in funzione un potente sistema di ricambio d’aria che garantisce un ricambio minimo di 5 vol/h, impedendo in tal modo il formarsi di aria “stagnante” che potrebbe far aumentare il rischio di contagio.
Naturalmente, tutte le misure di controllo preventivo vengono anche applicate a tutto il personale del laboratorio il quale, oltre ad operare seguendo in modo scrupoloso tutte le procedure di sicurezza previste, viene sottoposto quotidianamente alla misurazione della temperatura.
Per garantire ulteriormente la sicurezza di tutti i pazienti, il laboratorio rimane aperto al pubblico solo la mattina fino alle ore 13:00, per garantire l’effettuazione della sanificazione tutti i giorni, nel pomeriggio.
Inoltre, al fine di ridurre al minimo gli accessi in struttura, tutti i referti vengono spediti via e-mail (eccezion fatta per i casi di comprovata impossibilità) e le prenotazioni vengono gestite telefonicamente o via e-mail.
La sicurezza dei pazienti e l’elevato livello qualitativo di tutti i processi erogati è da sempre il primo obiettivo del Laboratorio Fleming: lo stato di emergenza sanitaria da COVID-19 non può e non deve essere un ostacolo al mantenimento di questo obiettivo.